giovedì 28 aprile 2016

UNA GIORNATA PARTICOLARE


28 aprile, una giornata particolare.

Il pomeriggio del 28, tanti anni fa (e per tanti anni), c’era la Messa…sempre nella stessa chiesa (attigua al Di Cagno Abbrescia, i baresi sanno qual è, al momento non vi so dire come si chiamasse), sempre affollata dai tipi più strani, alcuni dei quali si facevano vivi solo in quella occasione.

A Bari, reduci della RSI ce n’erano pochini (se non ricordo male, una volta mi fu indicato un “Comandante Fumai”, quello dei “Mai morti”), ma nostalgici del regime tanti.

Si stringevano intorno a noi ragazzi per raccontare di quando Lui venne a Bari, di quella volta che quasi potevano sfiorarlo, di quella visita al campo di addestramento prima della partenza per la Grecia….

Era un bagno di ingenua nostalgia che male non faceva nemmeno a noi “figli del ‘68” (e anni successivi), sia pure a modo nostro…poi, piano piano, tutto finì: i vecchietti erano sempre meno o peggio messi, noi giovani eravamo in piena “storicizzazione” del fascismo, il prete ebbe qualche velata minaccia “cinese” e subì qualche pressione poliziesca.

Eppure, quando capitava di incontrarli, quegli anziani “irriducibili”, la loro domanda era sempre la stessa: “E quest’anno, niente Messa ?”

Giacinto Reale


( " ...recitate una preghiera e pensatelo"- Edda Negri Mussolini